“I segreti dell’osservatore di calcio” che libro è? 

E’ un viaggio alla scoperta dei trucchi del mestiere dell’osservatore di calcio. Ho intervistato 20 addetti ai lavori, sottraendo loro tempo prezioso. Ma tutti quanti hanno risposto al mio invito con grande disponibilità e passione come se non fossero ancora sazi di parlare di nuovo di calcio.

C’è da dire che il tema dello scouting sta sempre più appassionando tutti coloro che del calcio vorrebbero farne un lavoro. Gli stessi genitori sono interessarti a saperne di più, per cercare di comprendere se i propri figli siano o meno “attrezzati” per diventare dei calciatori professionisti.

 

Ma ecco chi ho intervistato in rigoroso ordine alfabetico:

Daniele Adani, ex calciatore di serie A, ormai voce tecnica imperdibile su sky. Ti fa amare il calcio!

Valentino Angeloni, un osservatore/dirigente che ha lavorato e tuttora lavora per le grandi della Serie A! Fiorentina, Udinese, Inter, Atalanta…

Adriano Bacconi che io definisco uno scienziato del calcio. Ha vinto un mondiale con Lippi. La sua intervista vi lascerà a bocca aperta..

Davide Ballardini il generale, un Mister che ha tanto da raccontare…

Paolo Bargiggia, il giornalista che dice quello che pensa. Un esempio. Mai banale

Mauro Bianchessi, responsabile scouting settore giovanile Milan; tra i tanti ha scoperto “solo” Donnarumma e Locatelli.

Roberto Bosco, l’osservatore delle squadre avversarie di Mister Allegri. Ha giocato in serie A accanto a un altro Roberto, un “certo” Baggio.

Giampaolo Colautti, l’osservatore delle squadre avversarie di Alberto Zaccheroni ai tempi del Giappone!

Maurizio Costanzi, doveva fare il medico, ma per fortuna è diventato un grande dirigente prima a Chievo e ora all’Atalanta. Il suo motto: “la quantità delle partite osservate affina la qualità dell’osservatore”

Stefano Cusin, un allenatore italiano che ha allenato in tutti i continenti per 1 5 anni vincendo ovunque! Un grande professionista!

Gianni Di Marzio, un mito del calcio. Grande allenatore e dirigente. Le sue scoperte vanno da Maradona a Cristiano Ronaldo. Può bastare?

Mino Favini, il maestro per tutti. Il Mago di Meda che a 81 anni è stato osannato dalla curva dell’Atalanta pochi giorni fa. Un tributo alla carriera più che doveroso!

Fabrizio Ferron, il portiere dagli occhi di ghiaccio che alla Sampdoria ancora rimpiangono. Oggi grande preparatore dei portieri delle nazionali giovanili. Chi meglio di lui poteva spiegare cosa osservare in un portiere?

Paolo Greatti, il più esperto di tutti quando si parla di paesi dell’est. E mio grande amico e collega. Udinese e Sassuolo tra le tante società per le quali ha lavorato.

Xavier Jacobelli, il direttore che tutti vorrebbero avere. Grande uomo e professionista! Il Pico della Mirandola del calcio!

Giustino Mandragora, il papà di Rolando. Ma non è solo il papà di un calciatore della Juve…lo scoprirete! E molto di più…

Emiliano Mondonico, uno dei più grandi allenatori italiani. Persona perbene, un esempio.

Maurizio Neri, calciatore di serie A amatissimo ovunque abbia giocato. Ora allenatore al Sassuolo settore giovanile. Nota particolare: i genitori dei calciatori lo adorano!

Fausto Pizzi, il calciatore di classe (ha giocato in tante squadre di serie A!) che oggi è raro scovare. Oggi al Parma sta ricostruendo il settore giovanile dalle ceneri. Encomiabile!

Paolo Tramezzani, uomo di calcio totale. Ex calciatore dell’Inter, opinionista alla Domenica Sportiva, grande allenatore. Dopo le vittorie con la nazionale albanese, oggi siede sulla panchina del Lugano.